Il centrotavola Convivio Diamond Mix è un puzzle in tre tonalità composto da sette elementi a incastro fra loro, in marmo verde Guatemala, in bianco Calacatta Carrara e in Grigio Carnico. Se siete appassionati di materiali eterni, complessi ed eleganti, non potete che amare questo materiale quanto noi.

ESPI @ Casamenu
ESPI @ Casamenu
ESPI @ Casamenu
ESPI @ Casamenu
ESPI @ Casamenu

La base di questo gioco di geometrie è un grande vassoio che contiene sei figure, un esagono e cinque pezzi dal taglio diamantato, che possono essere estratte per diventare basi da appoggio aggiuntive. Interamente realizzato a mano in Italia, su disegno dell'architetto Paola Speranza, questo centrotavola scomponibile fa parte della collezione Diamond della linea Convivio, nata nel 2016 dall'amore della designer per il marmo. Tutti i pezzi disegnati da Paola vengono realizzati in un laboratorio dove la sua famiglia tratta questo materiale da generazioni. Dopo essere cresciuta a stretto contatto con il marmo e con gli artigiani che lo lavorano e restaurano da una vita, ha deciso di disegnare una collezione tutta sua di oggetti per la tavola e per la cucina, fondando il marchio ESPIdesign.

ESPI @ Casamenu
ESPI @ Casamenu

Noi siamo oramai follemente innamorate del suo lavoro, in special modo dei suoi vassoi e taglieri, che già avevamo fotografato in passato, e rinnoviamo i nostri sentimenti anche nei confronti di questo materiale, capace di rendere prezioso ogni oggetto per cui è stato modellato.

Testo e styling e di Francesca Martinez

Foto di Cristina Galliena Bohman

Centrotavola Convivio Diamond Mix

 

 

Il vassoio è realizzato in marmo verde Guatemala

 

Gli accessori che compongono il disegno geometrico e che possono essere utilizzati come piccoli vassoi aggiuntivi, taglieri e sottobicchieri, sono realizzati in marmo verde Guatemala, in Calacatta Carrara e in grigio Carnico.

 

Misure: 45 x 40 x 2 cm

 

Realizzato a mano in Italia

 

Design di Paola Speranza per ESPIdesign

 

Potete vedere e acquistare una selezione della collezione su Artemest.

 

Facebook
Twitter
Follow by Email
LinkedIn