Stereotypism è una collezione di piatti ispirati alla gestualità della mano e al Supplemento al dizionario italiano di Bruno Munari. Le Casalinghe di Tokyo, il nome del brand che ha prodotto la collezione, rende omaggio sia al Giappone - Le quattro casalinghe di Tokyo è un noir scritto da Natsuo Kirino - che al termine giapponese asobi, caro a Munari, che associa l’arte al piacere del gioco e del divertimento. La dimensione quasi “casalinga” di questa attività artigianale si accompagna perfettamente alla produzione di oggetti pensati per la casa, o meglio, per la tavola. Alice Schillaci, fondatrice delle Casalinghe di Tokyo nasce fotografa di moda, ma nel 2014, proprio nel segno del gioco, mette in produzione una serie di 12 piatti, unici e allo stesso tempo complementari, decorati da due artisti.

Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu

Lucio Bolognesi ha reinterpretato il gesto interrogativo della mano, forse il più stereotipato, se si pensa alla gestualità italiana, affiancato a due lettere per ciascun piatto che vanno a comporre la parola “Stereotypism”, mentre Martina Merlini si è concentrata su dei motivi astratti e geometrici che si potessero accompagnare, per stile e colore, ai primi sei. Senza velleità di opera di design o d’arte, bellissimi nella loro complessità, pratici nella loro funzione di oggetto d’uso quotidiano, renderebbero speciale qualunque semplice pasto.

Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu
Casalinghe-di-Tokio-@-Casamenu

Foto di Cristina Galliena Bohman
Styling e testo di Francesca Martinez

Set di piatti decorati – Stereotypism

Piatti piani grandi – diametro 30 cm

Piatti piani piccoli – diametro 23 cm

Piatti in ceramica rivestiti da maiolica

Contatti

Le Casalinghe di Tokyo – info@casalingheditokyo.com

Alice Schillaci – info@aliceschillaci.com

In vendita su Artemest

Facebook
Twitter
Follow by Email
LinkedIn